Praticità “a porter”

Chi mi segue da un pò, sa che con il passare del tempo, alcuni miei prodotti hanno subito delle modifiche. Questo perchè, testandoli (a volte proprio su vostro consiglio) mi rendo conto che posso ulteriormente migliorarli.

E’ il caso del fasciatoio da viaggio!

Il primo che ho cucito è stato quello per Anita. Non ho badato ne a spese per la stoffa, ne a tasche e taschine per contenere tutto il necessario al proprio interno, perchè la parola d’ordine è sempre stata, Organizzazione!

Ma più passava il tempo, più mi rendevo conto che quelle tasche interne invece di agevolarmi, mi “rallentavano”. Ad esempio, le salviette non servono solo per il cambio pannolino e se me ne occorreva una al volo, perchè magari si era sbrodolata o sporcata le mani, dovevo prendere tutto il mio bel fasciatoio, aprirlo, aprire la tasca e poi richiudere prima una poi l’altro. Senza contare che il fasciatoio non è piccolissimo visto che dobbiamo cambiarci sopra il nostro pupo e quindi non proprio comodissimo da aprire per ogni singola salvietta! >.<

Constatato il fatto sulla mia pelle 😛 ho deciso di apportare una sostanziale modifica e decretare così il modello vincente per praticità, portando semplicemente all’esterno le tasche interne!

IMG_20160428_101337

Tre pezzi al posto di uno possono forse sembrare ingombranti in borsa, ma vi garantisco che trovare a portata di mano la cosa di cui si ha subito bisogno, non ha prezzo!

Per chi mi chiede come siano gli interni, ecco una foto che vi toglierà ogni dubbio.

IMG_20160428_101400

Il fasciatoio al suo interno è completamente in tela cerata, per una pulizia veloce in caso di pipì (e si, se ve lo state chiedendo, la fanno mooooolto spesso!!!).

Il portapannolini e salviette ha due tasche per contenere entrambi, mentre il portalibretto pediatrico e documenti vari, ha tre tasche di cui una plastificata con cerniera.

Spesso mi chiedete se il portalibretto può contenerne due. La risposta è si, ma vi ricordo, come segnalato su fb nei giorni scorsi, che è realizzato su misura per i libretti che vengono rilasciati nella provincia di Rimini, diversi da altre provincie italiane.

Con questo post spero di aver chiarito molti vostri dubbi e domande che spesso (e fate bene!!!) mi ponete.

Buona notte a tutte! :-*

Ely

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *